ABC Compravendita

Ti sarà certamente capitato di competere in una partita di WL e rimanere senza parole per le numerose icone che compongono la squadra avversaria, o magari dall’incredibile presenza di campionissimi per ogni ruolo. Generalmente la prima reazione di molti è pensare “ah che shoppone!”, convinti che la squadra di fenomeni appena vista sia frutto di chissà quante centinaia d’euro spese in Fifa Points.

Esiste però una concreta possibilità che invece quei campionissimi siano figli della compravendita, e quindi frutto di sforzi e conoscenze che permettono anche a chi intende giocare a costo zero di metter su una squadra di giocatori fantastici.

Il grande Totò diceva che “nessuno nasce imparato“, non devi quindi vergognarti se non hai mai sentito parlare della compravendita su FIFA FUT, al contrario dovresti entusiasmarti per l’enormi possibilità che questo mondo può offrirti! Per iniziare la tua avventura ho preparato questa guida-base che ti consentirà di conoscere l’ABC della compravendita, in modo tale da acquisire i principi fondamentali prima di avventurarti in metodi più avanzati e rischiosi.

Con “compravendita” si intende quella serie di operazioni volte a trarre un profitto dall’acquisto prima e dalla cessione poi di un oggetto del nostro club. Detto in parole povere, ci ritroveremo a comprare un calciatore quando il prezzo è basso per poi rivenderlo quando sarà aumentato (ma non solo). Ciò è possibile poiché gli oggetti all’interno di FUT non possiedono un prezzo fisso e proprio le variazioni di prezzo ci consentiranno di trarre un profitto dalla vendita, naturalmente se saremo in grado di individuare la finestra migliore per l’acquisto.
Generalmente la prima cosa che passa per la testa dopo aver appreso questa nozione è: perfetto, bellissimo, ma… cosa genera queste oscillazioni di prezzo? Semplice: qualsiasi evento che vada ad alterare la routine di gioco! Ecco qualche esempio:

  • Weekend League – Questo evento altera la normale routine perché, essendo un torneo “a tempo”, può costringere chi vi partecipa a situazioni non preventivate come l’urgente sostituzione di un giocatore che non rende come pensavamo.
  • SBC – Una nuova SBC causerà l’aumento di richieste per i giocatori da essa coinvolti, ed essendo anche questo un evento “a tempo” si tenderà ad acquistare il prima possibile ciò che è necessario per il completamento onde evitare la perdita del premio.
  • Premi Settimanali – L’apertura dei premi delle competizioni settimanali generalmente provoca un’immissione di carte sul mercato, tutti cercano di liberarsi dei giocatori considerati inutili per il proprio team e si tende a “giocare al ribasso” per effettuare prima la vendita.
  • Eventi Reali – La vigilia di una partita contro una squadra-materasso potrebbe far aumentare il prezzo dell’attaccante OTW che dovrà affrontarla, o magari la vittoria di una coppa di una squadra importante potrebbe far alzare la richiesta della sua maglia.
  • Spacchettamenti – In alcune occasioni lo Shop proporrà pacchetti speciali e limitati (come i lighting rounds) ad un prezzo conveniente, e siccome molte persone sfrutteranno queste offerte ci sarà una fortissima immissione di carte sul mercato in un tempo ridotto.

Questi sono naturalmente solo alcuni piccoli esempi di ciò che accade all’interno di FUT e gli esempi citati servono solo per far comprendere quante variabili entrano in gioco e quanto facilmente il prezzo di una carta possa impennarsi o crollare nel giro di poco tempo (a volte anche minuti). 

A questo punto dovreste conoscere cos’è di principio la compravendita e quali sono alcune delle circostanze che provocano le variazioni di prezzo su cui si basa. Resta da stabilire quanto conveniente sia impararne le dinamiche, e siccome Confucio sosteneva che “un’immagine vale più di mille parole” ho pensato di proporvi uno screen che illustra il risultato raggiunto in FIFA 20:

Sicuramente esistono risultati migliori, ma al tempo stesso sono sicuro che molte persone sono ben distanti dall’aver oltrepassato i 40 milioni di profitto senza l’uso del portafogli, e non pensiate che questo risultato sia raggiungibile solo dopo chissà quanti anni di pratica perché in realtà state vedendo il frutto del mio 2°anno di compravendita!

Spero quindi di avervi “ingolosito” a sufficienza per proseguire la lettura della guida, perché naturalmente un conto è sapere cos’è la compravendita ed un conto è come metterla in pratica.